Skansen, la Stoccolma per i più piccoli

Uno degli elementi che più in assoluto rendono la capitale svedese una città affascinante è il suo svilupparsi sul dorso di un piccolo arcipelago, composto da 14 isole che congiungono il lago Mälaren al Mar Baltico. Non aspettatevi però intimi e romantici scorci come il Ponte dei Sospiri o il Canal Grande della Serenissima, qui i canali che dividono i vari lembi di terra su cui Stoccolma poggia le sue fondamenta sono molto ampi, e il profilo della città ricorda in molti aspetti altre grandi capitali europee, grazie agli ampi viali e ai maestosi palazzi di varie epoche e architetture (barocco, imperiale, gotico baltico, etc.).

I grandi canali possono riportare semmai alla mente le immagini tipiche di altre importanti capitali europee attraversate da fiumi di grande portata, come Londra o Parigi. Quello che però sorprende è come le successive ricostruzioni, alcune avvenute in tempi relativamente recenti a causa di numerosi incendi, non abbiano minimamente turbato l’equilibrio tra antico e moderno, in una città che si sviluppa in una maniera sorprendentemente armoniosa in ogni suo quartiere.

Se avete deciso di visitare Stoccolma con la famiglia al seguito, una tappa è assolutamente imperdibile: si tratta di Skansen, un parco giochi e zoo all’aperto che ha rappresentato, e rappresenta tuttora, un esempio seguito da molte altre città nella creazione di aree verdi e di zone appositamente dedicate ai più piccoli.

Skansen ingresso parco

Ci troviamo sull’isola di Djurgården, nota anche per il museo Vasa, dove è conservato un incredibile galeone del Seicento in legno, giunto ai giorni nostri praticamente intatto. Qui, nel 1891, il filologo Arthur Immanuel Hazelius fece realizzare questo parco con l’intenzione di tramandare ai posteri una “fotografia” delle tradizioni rurali svedesi prima che venissero cancellate dall’avvento della rivoluzione industriale. Per farlo, vennero raccolti oggetti di vita quotidiana come utensili, suppellettili e antiche macchine agricole. Non solo: intere fattorie, mulini, case padronali e altre strutture d’epoca (alcune risalenti addirittura al XVII secolo) vennero acquistate in varie zone del paese, smontate e ricostruite fedelmente, mantenendo solo i materiali originali, nel cuore di questo parco, che oggi offre uno spaccato fedelissimo del passato contadino della Svezia.

Galeone Museo Vasa

Grazie alla presenza di alcuni figuranti in costume tradizionale impegnati nelle principali attività che animavano il villaggio, è inoltre possibile rivivere la vita quotidiana delle famiglie contadine di un tempo.

Ovviamente, ogni fattoria che si rispetti ha numerosi animali al suo interno, e Skansen non fa certo eccezione. Qui ci si può facilmente ritrovare, nel corso di una passeggiata, nel bel mezzo di un gregge di pecore o tra un gruppetto di oche starnazzanti.

Negli spazi dedicati ai più piccoli, che qui sono numerosissimi, i bambini possono incontrare e toccare con mano conigli, anatroccoli e altri animaletti che si lasciano tranquillamente avvicinare. Non solo: Skansen è anche un autentico parco zoologico a cielo aperto, dove i più importanti rappresentanti della fauna nordica possono essere osservati da vicino. Tra i tanti animali qui presenti, indimenticabili sono gli incontri con l’alce, il lupo, l’orso bruno e persino il bisonte europeo, animale che nel corso del secolo scorso ha mancato l’estinzione per un soffio.

Skansen è anche noto per i tanti eventi che vengono organizzati al suo interno, spesso dedicati ai più piccoli: concerti, feste, mercatini e persino eventi televisivi hanno come sfondo i suoi splendidi scorci che sanno di antico.

Una visita nel cuore verde di Stoccolma richiede circa una giornata comprese le soste “di piacere”, che qui sono particolarmente gustose grazie alla presenza di ristoranti e botteghe tradizionali, ed è pienamente ripagata dalla soddisfazione di vedere come anche una grande città possa mantenere uno spirito semplice, adatto ai più piccoli e legato alla tradizione e alla natura.

Sito ufficiale di Skansen (pagina in italiano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *