Camden Town, la Londra che non ti aspetti

4946660562_5c285e5e98_b

ph. by Andrea Rossi @Camden Town – London (UK)

Una visita a Londra significa andare incontro a una costante sorpresa: la capitale del Regno Unito non è infatti solo incredibilmente estesa e ricca di cose da vedere e luoghi da visitare, ma è anche molto, molto varia, e la sua offerta turistica si adatta veramente agli interessi di tutti. E così, se siete stanchi delle solite visite ai musei e ai luoghi dell’Impero, a Buckingham Palace e al Tower Bridge e volete vedere un luogo più colorato e insolito, c’è un quartiere nel nord della città che fa per voi: si tratta di Camden Town  (la cui filosofia è  mai passare inosservati).

In questo strano quartiere tutto sembra surreale e inverosimile, qui uscite dai soliti schemi per entrare, per esempio, in un negozio come CyberDog, un negozio fuori dal comune che vende un’infinità di “cose strane” a “gente strana” . Ha un’ entrata molto particolare che non stona affatto con il quartiere e quei due robot metallici lasciano intendere che non si tratti di un negozio convenzionale!  La musica è assordante, le luci stile discoteca e i commessi vestiti in modo eccentrico non deludono le aspettative…vi sentirete probabilmente fuori posto, immersi in un miscuglio di subculture poppunk underground in cui l’importante è distinguersi in qualunque modo,ma vale la pena andarlo a vedere! Vi troverete a vagare tra gli scaffali osservando vestiti eccentrici e gadget che difficilmente vi ricapiterà di vedere altrove.

S6301911

Ritenuta in passato un quartiere malfamato e pericoloso, a partire dagli anni ’70 Camden Town è diventata un luogo di ritrovo per artisti, musicisti e studenti nonché uno dei centri di cultura alternativa più vivaci di tutta l’Inghilterra. E questa vocazione si vede molto chiaramente nei tanti luoghi di ritrovo del quartiere: qui non è difficile incontrare artisti di strada e musicisti, poeti e bohémiennes; e poi i punk, quelli veri, inconfondibili grazie alle loro creste colorate e alla immancabile tenuta con chiodo, pantaloni militari e anfibi. Qui hanno soggiornato Charles Dickens, i poeti Verlaine e Rimbaud, il poeta Dylan Thomas e, in tempi più recenti, i musicisti Amy Winehouse e Chris Martin dei Coldplay. E sempre qui si trova la Roundhouse, un ex edificio industriale, riconvertito a sala concerti nel 1964, dove hanno avuto luogo alcuni concerti leggendari di musicisti quali Bob Dylan, i Rolling Stones, i Led Zeppelin, Jimi Hendrix, The Doors, i Ramones e tantissimi altri.S6301912

Caratteristico di Camden Town è il Regent’s Canal, un lungo canale artificiale utilizzato un tempo per il trasporto delle merci su acqua. Le chiatte, fino agli anni ’50, si muovevano lente lungo il corso d’acqua, trainate da cavalli da tiro. Ancora oggi si possono incontrare grandi statue di cavalli che ricordano questa attività, e lungo il corso del canale si possono vedere ancora i segni delle funi sul corrimano della passeggiata adiacente, oltre alle rampe di salvataggio per i cavalli scappati che accidentalmente cadevano in acqua. Riguardo alla passeggiata che costeggia il corso d’acqua, una camminata nei mesi primaverili ed estivi è molto più che consigliata. Lungo il canale si incontra il cosiddetto Blow-up Bridge, il ponte esploso, che ricorda l’esplosione di una chiatta carica di polvere da sparo nel 1874. Si trova anche il Camden Lock, una doppia chiusa azionabile manualmente che ha la funzione, insieme ad altre strutture simili lungo il canale, di regolare il passaggio delle imbarcazioni, mantenendo costante il dislivello delle acque.S6301922

Ma Camden, a partire dagli anni ’70, è diventata soprattutto sede di una moltitudine di mercati all’aperto, dove è possibile fare ottimi affari. Tra il Camden Market, lo Stables Market, il Buck Street Market e soprattutto il Camden Lock Market, inaugurato nel 1973, a Camden è possibile acquistare veramente di tutto: dai mobili usati all’abbigliamento vintage, dai libri e i dischi più introvabili per arrivare agli aggetti di arredamento alla moda. I prezzi sono sempre popolari e attirano grandi folle di turisti (ma anche di locali) nei weekend, tutti desiderosi di concludere affari a buon mercato.

8184671561_474377f2ce_kS6301920

E poi il cibo: se visitate Camden Town in giornata, andateci a stomaco vuoto, perché le tentazioni qui sono troppe, e le possibilità offerte accontentano veramente tutti i gusti. Fra i tanti mercati all’aperto si incontrano bancarelle, pub e piccoli ristoranti dalle offerte gastronomiche più varie: c’è il thai e l’indiano, il messicano e il cinese, l’italiano e il giapponese, ma per chi vuole restare legato alla tradizione britannica un fish & chips è sempre facilissimo da trovare.S6301916

Per chi vuole un attimo di tregua i suggerimenti sono due: andateci in orari “comodi” e muovetevi con calma dato che nei weekend, quando l’assalto dei turisti è massimo, il tempo scorre alla svelta; inoltre, se siete stanchi e volete rilassarvi un attimo, potete fare una capatina nel vicino Regent’s Park, un grande e tranquillo parco realizzato nelle antiche aree di caccia del re Enrico VII.6340435271_faeeac66fd_b

(Photo di Magnus D

Qui si trovano splendidi roseti, un laghetto navigabile popolato di cigni e anatre sempre disponibili a farsi offrire un pezzo di pane, oltre a diverse aree giochi destinate ai più piccoli. Se avete figli al seguito e tante energie da spendere, a nord del parco si trova l’immenso Zoo di Londra, che da solo richiede mezza giornata per essere visto tutto, ma che è sicuramente una visita consigliabile per chi ama gli animali.

Se invece hai pochi giorni e non conosci Londra attieniti alla lista degli “imperdibili” che abbiamo stilato in questo articolo Londra a piedi!

Copyright © Maggia Travellers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *